mercoledì, Aprile 24, 2024
HomeEconomiaEcobonus nel 2022 con sconto in fattura, cosa deve fare chi non...

Ecobonus nel 2022 con sconto in fattura, cosa deve fare chi non ha comunicato la cessione del credito nei termini?

Un contribuente che ha effettuato interventi relativi ai serramenti (ecobonus 50%) nell’anno 2022 non ha inviato nei termini la comunicazione per lo di sconto in fattura a favore della ditta che ha effettuato i lavori. Il modello di cessione non permette la pratica di sconto in fattura di rate residue, ma solo la cessione di rate residue. Si può effettuare comunque la pratica di sconto in fattura relativa all’anno 2022 e naturalmente non utilizzare la quota relativa all’anno 2022 che è ormai persa?

Le alternative all’uso diretto delle detrazioni per i bonus edilizi prevedono la possibilità di optare per lo sconto in fattura o la cessione del credito. Dal punto di vista del contribuente il vantaggio dello sconto in fattura è quello di cedere il credito al fornitore in cambio, appunto, di un pagamento ridotto. La cessione del credito va comunque comunicata alle Entrate. Il fornitore da parte sua applicando lo sconto diventa titolare di un credito che può cedere a sua volta a chi vuole, senza essere obbligato ad andare in banca. Nella situazione descritta, in mancanza della comunicazione il contribuente non ha ceduto alcun credito, ma semplicemente ha pagato metà fattura. Dovrà quindi trovare un accordo con la ditta che ha effettuato il lavoro per risolvere la situazione. L’Agenzia delle entrate, infatti, ha spiegato che la mancata annotazione dello sconto in esame non pregiudica la validità fiscale della fattura emessa. Per cui – ha spiegato – per sanare…


RACCOMANDATI PER TE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

LEGGI ANCHE

- Advertisment -

Commenti recenti