mercoledì, Aprile 24, 2024
HomePoliticaDa Navalny al terzo mandato, gelo tra Meloni e Salvini. Il leghista:...

Da Navalny al terzo mandato, gelo tra Meloni e Salvini. Il leghista: “Non mi volevi vicino sul palco, eh?”

A Cagliari tregua di facciata al comizio dei tre leader con Truzzu, candidato governatore. La premier però è irritata con il segretario del Carroccio

CAGLIARI — L’ultimo a salire sul palco è Matteo Salvini. Suona Mameli, sventolano bandiere. Il leghista si ritrova ai margini della foto di famiglia. Guarda la premier, che gli fa cenno: «Vieni». Lui va. E le sussurra: «Non mi volevi vicino, eh?». Lei sorride mentre canta — «l’Italia s’è destaaa» — e gli tira un colpetto di gomito all’altezza del costato. Sorrisi e falli di reazione, veleni e ipocrisie. I due si giurano «un governo di cinque anni», tutto facile perché «in Giorgia ho trovato un’amica». E intanto litigano. Costruiscono trappole dietro le quinte. E non si fidano. Non perché lo scrivono «i giornaloni», ma perché — non è un mistero — preparano la resa dei conti dopo le Europee. E rischiano di frantumarsi già oggi sul terzo mandato.


RACCOMANDATI PER TE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

LEGGI ANCHE

- Advertisment -

Commenti recenti