mercoledì, Aprile 24, 2024
HomeTecnologiaLa breve storia felice di Biro & Bic

La breve storia felice di Biro & Bic

Questa è la storia di Bic & Biro. Così come l’ho sentita l’altro giorno, sul palco dell’auditorium dell’Unione Industriali di Torino, gremito come per le grandi occasioni. E l’occasione era in effetti grande: l’avvio delle celebrazioni di Torino capitale della cultura d’impresa, un riconoscimento che la Confindustria assegna ogni anno ad una città che sappia e voglia interpretare la cultura che serve a fare l’imprenditore; e le ricadute culturali, sul territorio, di una impresa fatta bene. Si tratta di un riconoscimento abbastanza recente, la prima è stata Genova, poi Alba, poi quattro città del Veneto e infine Pavia. Tra queste Torino eccelle per varie ragioni, non ultima il fatto che qui nel 1906 nacque la Lega industriale che poi diventerà Confindustria. Sul palco si sono avvicendate alcune storie bellissime, in particolare quella di Lavazza, diventata una multinazionale di successo a partire da una drogheria aperta nel 1895. Lavazza è un esempio di come si possa crescere tanto e bene senza delocalizzare, senza sfruttare l’Italia per avere incentivi da godersi all’estero, senza dimenticare il territorio da cui si proviene, investendo sulle persone. A partire dal logo che in tutto il mondo recita: “Torino, Italia, 1895”. Ma sul palco poi è metaforicamente salita una bellissima storia del passato che ogni tanto riemerge; l’ha raccontata il presidente della Regione Alberto Cirio. È la storia di Bic e Biro. Laszlo Josef Birò era un inventore ungherese e nel 1943…


RACCOMANDATI PER TE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

LEGGI ANCHE

- Advertisment -

Commenti recenti